Tag Archives: Cristina D’avena

Franchino sta male. – “Ni, La vita in diretta a dicembre chiuderà e Cristina Parodi farà quello che avrebbe fatto Costanzo senza la D’urso”. – Publitalia chiuderà in negativo. – Tra Caschetto e Presta, spunta Federico Grillone. – Cristina rinuncia a Colorado per il primo disco per la Warner e lo Zecchino D’oro, Conti (che la vuole in conduzione) e Fialdini (sponsorizzata da Orfeo) permettendo.

Quando più di un anno fa mi riferirono della malattia di Franchino, non ci volevo credere. All’interno di una Mediaset anni 90 in pieno fervore, lui era un personaggio schivo ma molto importante per le dinamiche artistiche. Ora non si parlerebbe di lui perché sarebbe uno dei tanti, ma nel millennio passato, soprattutto per il colpaccio Fiorello, iniziava a farsi largo, anche un po’ per le vicende personali. Risolte e che lascerei da parte. Potente lo è tuttora per avere importanti artisti in scuderia, il tutto coadiuvato dal fratello. Il fratello di Franchino e Graziella stanno portando avanti la Notoria in maniera eccelsa, perché purtroppo le sue condizioni di salute non stanno migliorando. In un anno, ho provato a chiamarlo molte volte, solo una mi ha risposto e con una debolissima voce ma con un entusiasmo invidiabile. Tutti i suoi artisti gli devono tanto e so che continuano a stargli vicino con forza, anche perché dal nulla ha tirato su molti.
Le affermazioni, certe, su La vita in diretta e Domenica In mi arrivano direttamente da una cara amica in Rai, impegnata proprio nel palinsesto pomeridiano di Rai1. Difficilmente sbaglia un colpo, è onesta, obiettiva e lì da anni. Sono parole fortissime che fanno capire quanto l’incapacità di dirigenti e conduttori (escludendo Marco Liorni, serio professionista che conoscono da 20 anni), Vianello e Fialdini in primis, con poca esperienza nel settore intrattenimento e target di Rai1, sia forte. Ma come ho scritto altre volte, la politica in Rai è tutto, ecco perché molti rifiutano di andarci. Duri un ciclo e le persone non sono elettrodomestici, ma talvolta anche serie persone allo scadere del mandato politico da Dirigenti si ritrovano semplici dipendenti. La meritocrazia in Rai non esiste e non è mai esistita. Non che in Mediaset ci sia, soprattutto di questi tempi, ma è sempre stata più valorizzata che da altre parti.
Gli ascolti bassi di alcune fasce, non ci permette di chiedere i conti in maniera positiva. Non tanto Canale5, il cui tasto dolente rimane la prima serata, ma Italia1 e Rete4 soffrono di emorragia di ascolti, per cui i conti sin da ora sono difficili da far quadrare. Non entro nel dettaglio ma in Publitalia sono piuttosto preoccupati. E pure le radio, finchè non usciranno i dati reali, senza affidarci alla voci che ci danno in declino, sono una grande preoccupazione. Gli investimenti sono stati ingentissimi e un risultato negativo peggiorerebbe una situazione già incerta.
Non c’è molto da raccontare dello strapotere di Beppe e Lucio, entrambi amici che conosco da più di 20 anni, e con un margine di potere sempre più ampio, visto che i direttori di rete valgono sempre meno. Non tanto a Cologno, quanto in Rai, con la quale ultimamente sto dialogando molto per sondare la concorrenza e comprendere certe dinamiche, che fanno certamente bene a noi, si sta facendo largo un agente che fino a poco tempo fa era nell’ombra: Pier Federico Grillone. In collaborazione con un ex potente agente e suo figlio, stanno organizzando una squadra fortissima. Nessun nuovo talento per salire la china in fretta e sfruttare il potenziale artistico e umano più in fretta possibile. Parlando con chi di dovere, si parla di un solo “nuovo” talento, 30enne, spinto dall’ex agente e suo figlio, come dalla politica di maggior rilievo, autore e conduttore in Rai e Mediaset. Presto ne scriverò con dettaglio, per ora la formazione del team è in evoluzione ma so con certezza che presto ci sarà una nuova macchina da guerra televisiva che darà fastidio alla vecchia compagine manageriale. Questo un po’ lo spero, ora più che mai rinnovare certe dinamiche permetterebbe di far qualcosa di nuovo in un momento di strapotere dei soliti.
Ho appreso ieri pomeriggio che Cristina D’avena non farà più parte del cast di Colorado e di questo sono molto dispiaciuta, anche perché toccava un target preziosissimo per Italia1. La rinuncia è venuta da parte sua per gli impegni musicali, il primo album con la Warner dopo tanti anni con noi, e televisivi. Parlando con la mia amica in Rai, anche delle scarse facoltà televisive di quella certa Fialdini, è venuto fuori un quadro che tocca in parte Cristina. Carlo Conti la vorrebbe come conduttrice dell’anniversario (credo 60 o 70) de Lo Zecchino d’Oro, avendo già presentato tante edizioni ed essendo l’unica che è davvero emersa negli spazi musicali e televisivi. So essere molto amici. Questa Fialdini, spalleggiata da un Mario Orfeo in grandissimo spolvero, per dinamiche interne alla Rai, ha le possibilità più alte di prendersi il posto di conduttrice della gara canora per infanti. Sono ancora qui a domandarmi che senso abbia la sua presenza. In tv, in generale. Da amica ed ex editore di Cristina, farò di tutto per spalleggiarla.

Salvate il soldato Marco Gaiazzi! – Lorella Landi e Monica Maggioni dietro l’inutile scandalo sul programma di Paola. – Federica Panicucci rientra in pista per Sabato5. – Dopo 36 anni, ci siamo fatti scappare Cristina D’avena. Non tanto per RTI Music Division, quanto per la risorsa artistica tutta interna che ha rappresentato, che rappresentava tutt’oggi e poteva rappresentare (mi fermerò qua).

Non conosco benissimo Marco ma, come alcuni giovani con grande professionalità di cui m’interesso e promuovo la figura, mi sono incuriosita alla sua. Dopo tanti anni in Class Editori con contratto a tempo indeterminato, viene corteggiato e assunto da Tele Lombardia con lo stesso inquadramento, con un buon incremento di stipendio e con la promessa della conduzione del programma di punta (Iceberg, che ha presentato per pochissime puntate). Grazie a fortissimi divergenze con il Direttore del canale, il quale conosco da anni e che non merita neanche di essere nominato, e con il malsano appoggio di Sandro Parenzo, Marco si ritrova letteralmente a spasso. Grazie ai suoi mille contatti, ottenuti in tanti anni di ligio lavoro, riesce a rientrare nel circuito e lo fa in azienda. Appurato ciò, mi chiedo come i responsabili del settore News possano lasciare una figura come la sua con un contratto part time e soprattutto in un programma come Domenica Live, che con le sue specificità c’entra davvero poco. Non polemizzo sul programma, tendo ad esaltare semplicemente le sue competenze. In un momento in cui i nostri rapporti con Class Cnbc sono al minimo storico per questioni economiche, al Tgcom si inaugurano strisce e programmi finanziari e i temi “caldi” attuali sono proprio quelli economici, perché non puntare su una figura come la sua? Personalmente, m’impegnerò affinchè questo avvenga.
Lotto, per concorrenza interna ed esterna, con dinamiche aziendali da quasi 30 anni e capisco al volo quando qualcosa non quadra e va in un verso sbagliato. Sono bastate due chiamate per arrivare al nucleo del problema. Devo scrivere la verità: l’esperienza mi fa vedere lungo e avevo immaginato che dietro ci fosse una delle due figure tra Lorella Landi e Monica Maggioni, ma non immaginavo entrambi. Ciò di cui vi scrivo riguarda le inutilissime polemiche sul programma di Paola Perego. Conosco Paola sin da ragazza, sa fare bene il suo lavoro, da numero uno sa creare bene le polemiche se vuole, ma questo non sembra certo il caso. Parliamone Sabato non è un programma che brilla in ascolti ma riesce comunque ad alzare telespettatori e share in un sabato pomeriggio disastroso per Rai1. Davanti a dati d’ascolto nettamente a ribasso, non importa tu sia nella scuderia Caschetto, Presta o Tuzio, una testa deve cadere, soprattutto se dietro ci sono pronti altri squali affamati per prendere il tuo posto. Succede agli artisti, come ai dirigenti. In passato, avevo già scritto della voltagabbana Raffaella Santilli, prima berlusconiana ora alla mercè di Renzi, responsabile della disfatta di ascolti prima de La vita in Diretta e poi di Parliamone Sabato. La stessa esperienza di può additare a Monica Maggioni, prima nelle file del centrodestra ora in quelle di centrosinistra, in uno schifo morale senza precedenti. Ed è proprio lei, insieme a Lorella Landi, orfana da anni del sabato pomeriggio di Rai1 con tanta voglia di tornarci tanto da azzopperebbe chiunque (e con molto coraggio andare contro Lucio Presta, ma la politica certe volte è più potente di un agente potente), mettere in scena un insensato sputtanamento. Ammettiamolo: la cosa delle ragazze dell’est non è certo la situazione più scandalosa della tv italiana in contesti di day time pomeridiano, e in un programma leggero come quello di Paola ci poteva pure stare. Mi domando con che faccia, nel 2017, le due dame che ormai stanno dietro le quinte ma che hanno ancora sete una di potere l’altra di fama, hanno il coraggio di organizzare una trovate del genere. In un momento in cui la Rai è nel caos più totale, la politica è allo sbando per la decadenza renziana, il ritorno di Silvio Berlusconi e la stupidità dei grillini, mi chiedo come hanno fatto a non pensare di non essere scoperte. A detta di tanti, siete già vergognose e vendute, ma personalmente non pensavo anche peggio. Dopo questo pezzo, già immagino cosa succederà in Rai nei loro confronti. Spero solo che Paola ne esca pulita.
Non basta essere amati, nonostante un compagno di vita, e protetti se la qualità del prodotto non aggrada nessuno. Gaia Padovan è bella e brava, ma il prodotto Sabato5 e la conduzione non hanno convinto nessuno, dai produttori a Mauro, fino a Piersilvio. La cosa ha prodotto molte polemiche interne, ma quando parla Piersilvio, in bene e in male, è sempre la decisione finale che difficilmente si aggiusta. Ritorna in campo il nome di Federica Panicucci, con un format leggermente cambiato e più vicino alle famiglie. Lo slot del sabato mattina, come quello intoccabile per vie “divine” della domenica, è difficilissimo e a Publitalia non è mai interessato, figuriamoci agli investitori, soprattutto per il target. Federica sarebbe la conduttrice più adatta per iniziare la start up del sabato mattina. Ormai è un volto che piace a quel pubblico e la sua figura sarebbe la più indicata per non partire con meno speranze di quante già si hanno per quella fascia. In fondo, se lo merita. Sto e stiamo lavorando per questo.